Canzini Pietro

Genova (GE)

Data di costituzione: [dopo 1880]

Data di cessazione: 1907

Genova (GE)

Pietro Canzini (1851-1907) svolge l'attività di banchiere e uomo d'affari a Genova, almeno a partire dagli anni Ottanta del XIX secolo. Egli è protagonista del sistema creditizio e finanziario genovese nelle ultime due decadi dell'Ottocento e fino alla morte. Canzini è pienamente inserito nell'élite finanziaria della città ligure e siede come consigliere in numerosi consigli di amministrazione di società per azioni: nel 1887 è consigliere della Banca Generale; nel 1890 è consigliere della Cassa di Sovvenzione per le imprese; nello stesso anno rappresenta i maggiori azionisti della Banca di Genova all'Assemblea della medesima; nel 1900 è consigliere della “Fabbrica nazionale di motori a gaz povero e costruzioni meccaniche” (società per azioni con sede e stabilimento a Milano, ma con capitale sottoscritto per metà a Milano e metà a Genova); nel 1906 è presidente della Società per il commercio e la lavorazione dei metalli con sede a Genova. La rilevanza della sua posizione nel contesto finanziario ligure è evidenziata dal fatto che negli anni Ottanta è stato in affari con la ditta Hofer e C. specie in relazione alla società Rubattino. Dagli anni Novanta, inoltre, egli è impegnato nell'amministrazione della Camera di Commercio di Genova come consigliere. Fin dalla sua costituzione, nel 1901, egli è membro (in rappresentanza della Camera di Commercio di Genova) del Comitato esecutivo dell’Unione delle Camere di commercio italiane con sede a Roma. Tale comitato ha funzioni di coordinamento e direzione politica dell’associazione ed è formato dai delegati di 25 Camere aderenti (artt.13-18 dello Statuto del 1901). Nel marzo 1905 viene nominato vicepresidente dell'associazione e nel gennaio 1907 diventa presidente della Camera di Commercio di Genova, incarico che ricopre solo per un mese, fino alla prematura morte avvenuta il 15 febbraio 1907.


Sede legale

  • Genova (GE)

Forma giuridica

  • [1880] Ditta individuale [attestato dopo il 1880]

Categoria bancaria

  • [1880] Ditta bancaria [attestato dopo il 1880]

Fonti bibliografiche

  • Annuario d'Italia amministrativo-commerciale, 1889
  • Guida commerciale d'Italia e delle colonie italiane all'estero, Roma, 1908
  • Bonelli, Franco, La crisi del 1907. Una tappa dello sviluppo industriale italiano, Torino, Fondazione Luigi Einaudi, 1971
  • Dizionario biografico dei presidenti delle Camere di commercio italiane (1862-1944), Paletta Giuseppe (a cura di), Roma-Soveria Mannelli, Unione italiana delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura-Rubbettino Editore, 2005 (p. 1105-1109)

Autore: Luciano Maffi | Ultima modifica: 29 dicembre 2022