Banca popolare di Ovada

Ovada (AL)

Data di costituzione: 22 marzo 1885

Data di fallimento: 1901

Ovada (AL)

Fondata nel 1885 con atto del notaio Giuseppe Aloisio con capitale di 500.000 lire in azioni da 100 lire ciascuna e con una tassa di ammissione di 5 lire. La cifra rimase la stessa per tutta la vita dell'istituto benché versata solo in parte.
Tra i primi soci un ruolo di primaria importanza lo giocò Giuseppe Bazzano, politico locale con velleità provinciali, professionista e uomo facoltoso, che la guidò sino al suo tramonto. Seppe raccogliere intorno a sè banchieri locali, l'élite economica e sociale del circondario, in tutto 90 soci. Si segnala, come in molti altri casi, la presenza di banchieri che già erano impegnati in altre iniziative sul territorio constatando un fenomeno che legava la sorte di molti istituti bancari tra loro. Sul finire del 1885 lo Statuto venne aggiustato per dare maggior risalto alla sua natura popolare e all'impegno mutualistico in favore dell'agricoltura, grazie all'aiuto di Luigi Luzzati. Benché non ebbe mai volumi di affari notevoli visse per 15 anni, nei quali raccolse risparmio e fece credito. Lo sconto degli effetti fu l'operazione principale di impiego e raggiunse il massimo già l'anno dopo la sua fondazione.
Forte fu l'eposizione creditizia, che ne minava la solidità. Proprio questa condizione fece chiedere nell'aprile del 1901 una prima moratoria al tribunale. Tuttavia di fronte al rifiuto dei soci di ricapitalizzare la società e di fatto di proseguire con la banca, si decise per la messa in liquidazione. Molta parte di questo fallimento fu dovuto alle cambiali illecitamente emesse per una cifra pari circa al capitale sociale. Furono poi i soci stessi nel 1919 a decidere per lo sciogliemento quando, dopo la perizia del liquidatore, si resero conto dell'impossibilità di continuare.


Sede legale

  • Ovada (AL)

Capitale sociale

  • [1885] 150.000 Lire italiane
  • [1886] 342.000 Lire italiane
  • [1887] 342.000 Lire italiane
  • [1888] 342.000 Lire italiane
  • [1889] 342.000 Lire italiane
  • [1890] 332.000 Lire italiane
  • [1891] 313.400 Lire italiane
  • [1892] 282.100 Lire italiane
  • [1893] 265.000 Lire italiane
  • [1894] 253.000 Lire italiane
  • [1895] 200.000 Lire italiane
  • [1896] 200.000 Lire italiane
  • [1897] 183.400 Lire italiane
  • [1898] 179.200 Lire italiane
  • [1899] 179.200 Lire italiane

Forma giuridica

  • [15 novembre 1885] Società anonima cooperativa

Categoria bancaria

  • [15 novembre 1885] Banca popolare

Fonti bibliografiche

  • Annuario d'Italia amministrativo-commerciale, 1889
  • Banche e sviluppo economico nel Piemonte meridionale in epoca contemporanea. Dallo Statuto albertino alla caduta del fascismo, 1848-1943, Bermond Claudio (a cura di), Torino, Centro Studi Piemontesi, 2001 (p. 316-318)

Autore: Giacomo Lorandi | Ultima modifica: 09 gennaio 2023