Credito Cooperativo Cassa Rurale ed Artigiana di Rocca de' Baldi

Rocca de' Baldi (CN)

Data di costituzione: 15 gennaio 1959

Data di incorporazione: 31 dicembre 1995

Rocca de' Baldi (CN)

Altre denominazioni

  • Cassa Rurale ed Artigiana di Roccadebaldi [15 gennaio 1959]
  • Credito Cooperativo Cassa Rurale ed Artigiana di Rocca de' Baldi [7 giugno 1994]

Il 15 gennaio 1959 viene fondata la società cooperativa a responsabilità limitata denominata Cassa Rurale ed Artigiana di Roccadebaldi (CN). Tra i 36 soci fondatori, in prevalenza agricoltori, artigiani e commercianti locali, figurano anche il deputato piemontese Luigi Bima, il sindaco Battista Bensa e il parroco don Giorgio Ravera. Il capitale sociale versato all'atto della fondazione è di 540.000 lire, suddiviso in azioni da 1.000 lire ciascuna. Ogni socio è responsabile per il pagamento dei debiti sociali per una somma pari a 10 volte il valore nominale delle azioni sottoscritte. All'epoca di costituzione della Cassa, Rocca de' Baldi è un centro agricolo di circa 2.500 abitanti, situato nei pressi di Mondovì e a 18 km dal capoluogo Cuneo. L'economia del territorio gode di una prospera agricoltura, favorita dalla ricca produttività dei terreni, e di attività di allevamento del bestiame molto sviluppate. Il paese ospita inoltre un fiorente artigianato locale ed è servito da una efficiente rete di collegamenti viari e commerciali con i mercati di consumo del Piemonte e della Liguria, circostanze che rendono molto sentita e opportuna la creazione di un istituto bancario a supporto delle realtà produttive della zona e delle esigenze creditizie e di raccolta del risparmio della popolazione. Nel 1970 la società è costituita da 101 soci e gestisce depositi e conti correnti per 771,4 milioni di lire, investite in prevalenza in titoli per 347 milioni e impieghi vari per 258,5 milioni. Nel 1980 il numero dei soci aumenta a 212 e la zona di competenza autorizzata si estende a comprendere anche il comune di Morozzo. In tale anno la massa fiduciaria è di poco inferiore ai 7 miliardi di lire, a fronte di impieghi per 3,8 miliardi e titoli di proprietà per 2,6 miliardi. Dal 1990 al 1994, mentre il numero dei soci raggiunge le 456 unità, la massa fiduciaria conosce uno sviluppo che la porta da 31,54 a 57,38 miliardi di lire, con titoli e impieghi rispettivamente per 30 e 28 miliardi. Sempre nel 1994, dopo l'entrata in vigore del Testo unico di regolamentazione del credito cooperativo (D.L. 385/93), l'ente cambia denominazione e categoria bancaria, trasformandosi nel Credito Cooperativo Cassa Rurale ed Artigiana di Rocca de' Baldi. La zona di competenza autorizzata dell'istituto si è estesa nel frattempo a 19 comuni dell'area, in aggiunta alle filiali di Cuneo (Madonna delle Grazie) e Morozzo. Nel 1995 l'Assemblea dei soci approva l'incorporazione dell'ente nel Credito Cooperativo Cassa Rurale ed Artigiana di Pianfei, che a decorrere dal 1° gennaio 1996 assume la nuova denominazione di Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de' Baldi, con sede legale in Pianfei.


Numero del tribunale: Mondovì 513

Sede legale

  • Rocca de' Baldi (CN) / Crava [via Umberto I]

Capitale sociale

  • [15 gennaio 1959] 540.000 Lire italiane
  • [31 dicembre 1970] 9.310.701 Lire italiane [Capitale e riserve]

Forma giuridica

  • [15 gennaio 1959] Società cooperativa a responsabilità limitata

Categoria bancaria

  • [15 gennaio 1959] Cassa rurale e artigiana
  • [7 giugno 1994] Banca di credito cooperativo

Fonti archivistiche

  • Federcasse / Archivio Storico del Credito Cooperativo (Roma)
    Ente Nazionale delle Casse Rurali Agrarie ed Enti Ausiliari (Encra)
    b. 2, f. 1
  • Banca d'Italia (Roma)
    Albi ed Elenchi di Vigilanza
    Matricola n. 4591
  • ASBI - Archivio storico Banca d'Italia (Roma)
    Fondo Banca d'Italia, sottofondo Vigilanza (1926-1961)
    Pratica n. 6016, ff. 1-2

Fonti bibliografiche

  • Gazzetta ufficiale della Repubblica italiana, dal 1946 (1 febbraio 1996, n. 26, parte II)
  • Casse rurali ed artigiane. Annuario, dal 1968 (1970; 1981/82)
  • Ianniello Attilio, Banca d'Alba. La storia, la comunità, il territorio, Alba, Banca d'Alba, 2011
  • Annuario. Casse Rurali - Banche di Credito Cooperativo (1995)

Soggetto incorporante

· Credito Cooperativo Cassa Rurale ed Artigiana di Pianfei [Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca De Baldi]

Albero genealogico

Autore: Maurizio Romano | Ultima modifica: 28 dicembre 2022